Ricardo

About Ricardo Baldassarre

This author has not yet filled in any details.
So far Ricardo Baldassarre has created 336 blog entries.

AVVISO – Sessione di spotting dell’11 novembre cancellata

Si informano gli associati che la sessione di spotting prevista per domenica 11 novembre è cancellata.

Non è stato possibile infatti assicurare la presenza costante del referente dell’associazione a causa di impreviste ragioni personali.

Ci scusiamo con i partecipanti iscritti, ricordando loro che il contributo anticipato sarà recuperato in una delle prossime sessioni.

Per eventuali chiarimenti, è possibile ricevere ulteriori informazioni sul numero 347-4308794.

Ci scusiamo per il disagio.

La Segreteria

By | 2018-11-01T19:05:40+00:00 1 novembre 2018|Air News, Avvisi agli associati|

EuroSpottingTour2018: Flughafen trip

La Opel Astra scalpita in garage. Vuole ancora portarci in giro per l’Europa alla ricerca di chicche aeronautiche e farci divertire come quattro ragazzini.

Già, quattro, perchè il buon Paolo ci accompagna anche quest’anno dopo il viaggio in aereo di Londra Heathrow. Quindi, ricapitoliamo: ci siamo, come al solito, io (Fabio); Ricardo, Daniele, Paolo, la mitica moka e un baule equamente diviso tra borse per macchina fotografiche e trolley.

Dove andiamo? In realtà ce l’avevamo già in mente da due anni, di fare un giro tra gli aeroporti tedeschi, da cui il titolo Flughafen Trip. Iniziamo da Monaco di Baviera.

Purtroppo il meteo non ci aiuta, una fitta pioggia ci accompagna per quasi tutta la strada. Nelle pause che inframezziamo durante i quasi 600 km che ci separano dalla capitale della Baviera, ovviamente la moka ci rinvigorisce e ci riscalda dai gradi che la colonnina di mercurio ci dice essere intorno ai 15…

Passiamo da Svizzera e Austria, sfiancando il lago di Costanza e attraversando la Baviera. Una grande M ci avvisa che siamo arrivati nel circondario dell’aeroporto di Monaco, che, ricordiamo, è intitolato a  Franz Josef Strauss (IATA: MUC, ICAO: EDDM). Alcuni dati: 45 milioni di passeggeri nel 2017, secondo aeroporto in Germania, 2 piste con due terminal piazzati proprio in mezzo e una discreta fotogenicità.

Già, perchè ci sono posti dove poter fotografare in tutta tranquillità, prima tra tutte la collinetta artificiale in mezzo alle piste, con annesso parco dedicato all’aviazione con un Lockheed Super Constellation (registrazione D-ALEM), un Junkers Ju 52 / 3m (D-ANOY) entrambi in livrea Lufthansa e un Douglas DC-3 (HB-IRN) di Swissair. Si pensi che per un breve lasso di tempo, subito dopo l’inaugurazione dell’aeroporto nel 1992, questo parco superò come numero di visite il famoso Castello di Neuschwanstein. Purtroppo parcheggiare l’auto non è stato facile, a causa di alcuni lavori, ma almeno è stato gratuito.

Dalla collinetta ammiriamo gli arrivi e le partenze che si succedono da un lato e dall’altro, con i più nuovi Airbus A350 di Lufthansa che sono basati qui. Ad un certo punto arriva anche un’astronave… ah, no, è il Dreamliner di ANA in livrea Star Wars, di rara bellezza. Il tempo ci concede poco prima che inizi a piovere di nuovo.

Ci trasferiamo quindi lungo il perimetro esterno del sedime aeroportuale, e ci rechiamo su un’altra collinetta di recente costruzione, da dove ammirare i decolli e gli atterraggi della pista più a sud. Non male la vista da qui, ed il parcheggio è proprio sotto, anche se non di dimensioni notevoli.

La notte la passiamo in un albergo che ci sentiamo di consigliare per la gentilezza e la vicinanza all’aeroporto oltre al buonissimo ristorante in stile bavarese, qui il link.

Il giorno successivo troviamo ancora pioggia anche se intermittente, ma sempre un po’ fastidiosa. Facciamo il percorso che gira attorno all’aeroporto e ci fermiamo vicino a quello che sulle mappe viene segnato come un lago artificiale. E tale è, dato che serve per regolare il flusso delle acque, più o meno come una vasca di laminazione. Dagli argini, raggiungibili a piedi, si osservano e si fotografano benissimo gli atterraggi sulla pista 26R. La luce, o quello che ne rimaneva, non era granchè, quindi abbiamo preso la strada asfaltata in direzione Frankfurt.

Peccato, perchè secondo noi il Franz J. Strauss merita una visita approfondita e con un meteo migliore. Le location sono molteplici e il traffico non manca di sicuro, forte della presenza di mamma Lufthansa che, come detto, ha basato qui i propri A350 insieme a qualche A380.

Ma, se a qualcuno piace ancora vedere la Regina dei Cieli, ovvero il Boeing 747 oppure i sempre bellissimi McDonnell Douglas MD-11, bisogna recarsi a Francoforte.

Premettiamo che, nonostante tutte le volte che ci siamo stati, questo aeroporto non ci stanca mai, vuoi per l’incredibile numero di voli, vuoi per le location dove poter fotografare. Ovviamente se pensate di farvi un giro qui in aereo, è necessaria un’auto per potervi spostare.

Quest’anno ci siamo concentrati maggiormente su tre spotting point: quello a lato della pista verso sud, quello sulla pista nuova e quello sopra l’autobahn.

Come al solito gli special non mancano e, durante questi due giorni, ci siamo imbattuti nel 777 Star Wars di ANA, atterrato davanti a noi sulla pista nuova. E anche nello special dei 100 anni di Icelandair, atterrato sulla pista centrale, nonostante un gruppo di fotografi toscani ci abbia consigliato di spostarci sulla pista nuova. Eh, no, cari… stranamente questa volta la fortuna era dalla nostra!

Poi anche l’MD11 Lufthansa Cargo “Human Care cargo” (quello con le orme dei piedi dipinte sulla fusoliera), dedicato ai 10 anni dalla fondazione della medesima organizzazione dedita agli aiuti per le popolazioni del Kenya. E ancora gli special di Lufthansa, cioè il 5starhansa dedicato alla vincita delle 5 stelle di Skytrax, o il 747 old livery, veramente spettacolare, il 777 di Etihad con la livrea Year of Zayed, il 737 di SunExpress dedicato a Peter Hase.

Ci siamo appoggiati, per le notti, ad un hotel appena restaurato gestito da un italiano residente da diversi anni vicino all’aeroporto, in quel di Morfelden. Stanze spaziose e pulitissime! Qui il link.

E, come ogni anno, tappa fissa alla Mela d’oro, Goldener Apfel, qui il link. Annaffiate di birra weiss, le nostre schnitzel ce le ricorderemo fino alla prossima volta.

Fabio Zocchi

Galleria fotografica di Ricardo Baldassarre

1° giorno:  MUC – Monaco di Baviera  (19 foto)

2° giorno:  MUC – Monaco di Baviera  (19 foto)

2° giorno:  FRA – Frankfurt Am Main  (37 foto)

3° giorno:  FRA – Frankfurt Am Main  (99 foto)

4° giorno:  FRA – Frankfurt Am Main  (26 foto)

By | 2018-09-26T00:43:52+00:00 27 settembre 2018|Spotting|

15 Settembre 2018 – Clipper Day National Seconda Edizione

A grande richiesta torna a ad essere replicato sabato 15 settembre l’evento che vede riunite a Malpensa le associazioni spotteristiche italiane i cui aderenti non hanno potuto partecipare in occasione della prima sessione dello scorso maggio.

L’aeroporto di Milano Malpensa torna ancora ad essere per gli appassionati la più ambita vetrina italiana di compagnie aeree e aeromobili da osservare e immortalare in fotografia dall’interno dell’Airside.

Ancora una volta Malpensa al centro degli “obiettivi” dei numerosi appassionati e spotters di tutt’Italia in un secondo raduno che abbiamo volutamente realizzare in uno dei mesi dell’anno che consideriamo, rispetto a maggio, uno dei piu adatti ai fini della qualità delle immagini che i nostri amici andranno a realizzare.

Nello stesso tempo, non possiamo che apprezzare le associazioni italiane che prenderanno parte a questa esperienza del 15 settembre: provenienti da Milano Malpensa: MSG – Malpensa Spotters Group; da Verona: VRN Spotters Group; da Bergamo; Orio Spotters, da Genova: GOA Spotters; da Venezia NES North East Spotters; da Pisa: Tuscan Aviation; da Bologna: Vola Bologna; da Torino ASA 2000.

Non possiamo fare altro che ringraziare SEA, il Gestore degli aeroporti milanesi unitamente agli Enti di Stato che ci consentono di proseguire nel nostro impegno più che ventennale di divulgazione della cultura per l’aviazione commerciale.

By | 2018-09-10T21:41:15+00:00 5 settembre 2018|Avvisi agli associati, Malpensa, Spotting|

Da dieci anni Belavia a Milano

Lo scorso 14 giugno la compagnia di bandiera della Repubblica di Bielorussia BELAVIA, ha festeggiato il primo decennio di collegamenti di linea regolari sull’aeroporto lombardo di Milano/Malpensa da e per Minsk.

In una breve cerimonia svoltasi presso il gate d’imbarco del volo B2 882 con destinazione Minsk, effettuato da un Boeing 737 Serie 300 con marche EW366PA e configurato con 148  posti in classe unica, il Console di quello Stato a Milano ha ringraziato il gestore aeroportuale SEA e i partner operativi unitamente agli Enti di Stato, dalla Polizia alla Dogana, per l’importante traguardo raggiunto.

Il Rappresentante del vettore ha poi sottolineato la costante crescita del traffico tra le due città nella quale un ruolo significativo è da attribuirsi ai viaggi d’affari degl’imprenditori italiani con interessi in Bielorussia e ai bimbi bielorussi che vengono in Italia per un soggiorno di varia durata.

Numerosi i passeggeri tra cui un gruppo di tifosi della nazionale di football argentina in trasferta a Mosca per i Campionati Mondiali di Calcio.

Prima della partenza, festeggiata sul piazzale aeromobili dal consueto “water cannon” dei Vigili del Fuoco aeroportuali, non è infine mancato il taglio della torta e le innumerevoli fotografie all’intero equipaggio di volo ma soprattutto alle hostess.

Massimo Dominelli 

By | 2018-06-16T19:30:55+00:00 16 giugno 2018|Air News, Compagnie aeree|

Pubblicato il Calendario eventi 2018

Abbiamo pubblicato il calendario delle attività in programma per il prossimo anno.

Nella pagina del Calendario 2018 trovate i collegamenti per il Regolamento 2018 valido per lo spotting a Malpensa oltre alle informazioni da fornire per registrarsi alle sessioni di spotting e alla gita a Zurigo.

Calendario 2018

Calendario eventi 2018

Clicca a destra per vedere il Calendario degli eventi per l'anno 2018
Calendario 2018
Regolamento Spotting 2018

Regolamento Spotting 2018

Leggi il regolamento per le attività di Spotting a Malpensa
Regolamento Spotting 2018
Prenotazione eventi

Prenotazione eventi 2018

Utilizza il nuovo modulo per registrarti agli eventi di Clipper
Prenotazione eventi
By | 2017-12-23T13:52:48+00:00 23 dicembre 2017|Avvisi agli associati|

Aggiornamento: Spotting a Malpensa e Pizzata Natalizia – 16 Dicembre 2017

Informiamo tutti i nostri Associati che sabato 16 dicembre 2017 ci saranno due eventi in programma: l’ultimo appuntamento per quest’anno con il classico spotting all’interno del perimetro aeroportuale di Malpensa alle ore 9.00 e una serata in pizzeria presso il Ristorante Pizzeria San Martino a Ferno.

Tutti i dettagli della giornata e per la prenotazione della serata in pizzeria sono presenti nel seguente programma:

.

By | 2017-11-22T17:57:50+00:00 22 novembre 2017|Avvisi agli associati|

EuroSpottingTour 2017: senza Euro e Tour – London Heathrow

Looppeggiando e clambando. Sembreranno parole strane, ed in effetti lo sono, ma descrivono in maniera adeguata cosa fanno i velivoli in transito presso l’aeroporto principale di Londra.

Potremmo definirli così: looppeggiando – dall’inglese loop (cerchio), lo abbiamo coniato vedendo che praticamente tutti gli aerei subiscono un circling, mentre clambando, sempre dall’inglese to climb (salire), lo abbiamo inventato per definire le evidenti salite ripide e le virate che i piloti sono costretti a fare per sgomberare la pista per il decollo successivo.

Questa immagine vale più di mille parole:

In rosso gli atterraggi, in verde le partenze

Signori e signore, Benvenuti a London Heathrow!

72 milioni di passeggeri, basterebbe questo dato per far capire al lettore di che aeroporto stiamo parlando e dei motivi per i quali i velivoli hanno poco spazio tra di loro. A rendere la ricetta decisamente corposa, aggiungiamo che ha solo due piste e che tra le 22 di sera e le 6 di mattina non vola nessuno. Et voilà, il gioco è fatto. Hub di British Airways e casa anche di Virgin Atlantic, queste sono le destinazioni raggiunte:


Detto del luogo, passiamo alla nostra avventura che ci vede, ogni anno, andare a curiosare in qualche hub europeo. Eccoli qui, Ricardo, Daniele, Paolone e lo scrivente Fabio, solcare i cieli, questa volta, per spottare nel settimo aeroporto al mondo per passeggeri. Abbiamo prenotato ad aprile per poter volare a fine luglio tutti insieme con British Airways, rispettivamente da Linate (io, Daniele e Paolo) e da Stoccolma Arlanda (Ricardo), riservando anche l’albergo, il Twistle Hotel, dotato di terrazza panoramica nel ristorante interno che da sulla pista più a nord.

Partenza sabato 22 luglio, con un bel sole che inizia a surriscaldare la pista del City Airport della città meneghina, e con G-EUYA (Airbus A320) ad accompagnarci nell’avventura di quest’anno. Arrivati a Heathrow, in attesa dell’arrivo dello svedese, gli occhi iniziano subito a brillare, constatando la quantità e la varietà dei velivoli presenti. Ci portiamo subito in hotel facilmente raggiungibile con il bus gratuito della linea 423 per lasciare le valigie.

Il nostro pensiero va immediatamente allo spotting point per eccellenza, cioè il famoso prato vicino a Myrtle Avenue. Con la stessa linea di bus raggiungiamo la stazione metro di Hatton Cross e a piedi (500 mt) arriviamo al prato, cogliendo subito, proprio sulla testa, tutti gli arrivi da ogni parte del mondo e di qualsivoglia modello di aereo.

Stranamente il sole fa capolino, tra le innumerevoli nuvole che tempestano questo angolo di Gran Bretagna. La pacchia dura poco, perché una fastidiosa pioggerellina nel pomeriggio ci costringe a spostarci per ripararci.

Verso sera, anche se stanchi, raggiungiamo Londra per ammirarne furtivamente le bellezze architettoniche e non solo… Il metodo più economico che abbiamo trovato è stato quello di prendere la metro direttamente dal Terminal 5 dove siamo atterati. Costo 12 sterline a/r, per un viaggio che dura all’incirca 50 minuti con 20 fermate con destinazione finale nella famosa piazza di Piccadilly Circus.

Anche qui la pioggerellina ci perseguita e la temperatura è anche bassa, soprattutto confrontandola con i 30 gradi diurni di Milano. In un amen però, il cielo si apre e riusciamo a farci quattro passi tra Piccadilly Circus, la cattedrale di Westminster, il Big Ben e la ruota panoramica London Eye. Da qui con la nostra attrezzatura sarebbe quasi possibile spottare, considerato il fatto che riusciamo a distinguere quasi a occhio nudo gli aerei in atterraggio (una mano ce la dà il fido Flightradar24 grazie al roaming dei dati gratuito in tutta Europa dal 15 giugno). Sembrerà strano, ma vengono instradati al passaggio sopra la città per il minor rumore in atterraggio rispetto al decollo.

E siamo al day 2. Aperti gli occhi e rinsaviti da sveglie alle 5 di mattina del giorno precedente, ci troviamo sulla terrazza del nostro hotel, che ha una vista meravigliosa sul T5, quello dedicato a British Airways, nonché sulla testata pista 9L. Peccato che i decolli siano dalla 27R, e questo limita ai soli widebody la possibilità di essere fotografati decentemente.

Tutto il perimetro dell’aeroporto è chiuso da una recinzione molto alta e con minacciosi cartelli che ne proibiscono l’avvicinamento pena dure reprimende. Essendo molto difficile scattare foto con aerei sulle taxiway o in pista, non ci resta che ritornare a Myrtle Avenue fino alle 15, orario in cui vengono invertiti i decolli e gli atterraggi, in un modo molto simile a Malpensa ma gestito a settimane alterne seguendo questo schema.

Alle 15 per un attimo si ferma tutto, con aerei in holding sulle quattro aree designate e con aerei già pronti sulle taxiway per entrare in pista.  Sono solo pochi minuti prima di riprendere l’incredibile sequenza di arrivi e partenze.

Ci posizioniamo assieme ad altri spotter locali a lato della rotonda che immette i veicoli nell’area di manutenzione di British Airways. Tra un atterraggio e l’altro, non possiamo non ammirare che anche le strutture dedicate alla manutenzione vanno di pari passo con il resto. Fuori dagli hangar ci sono tre widebody appena usciti da qualche check, un B777, un A380 e un Dreamliner.

Inizia a piovigginare, senza particolare insistenza, ma fastidiosamente. Dopo qualche ora si apre di colpo il cielo e gli aerei vengono illuminati dalla luce del sole. Non solo, lo sfondo si arricchisce di uno splendido arcobaleno circolare, segno che la pioggia si è spostata più a ovest. Rimaniamo fino a quando la luce non diventa troppo calda, cioè fino alle 20.

Un hamburger e quattro belle birre ci toglieranno la fame e la sete accumulata e suggelleranno un’altra giornata da ricordare. E, a proposito di ricordi, cosa c’è di meglio che non farsi un bel selfie davanti al A380 di Emirates in scala 1:6 posizionato dove, fino a pochi anni fa c’era un analogo modello del Concorde di BA?

Il giorno dopo ci riposizioniamo alla rotonda per ammirare ancora gli atterraggi. Ci spostiamo poco dopo sul curvone prima di arrivare alla rotonda per fotografare gli aerei sul lato destro, visto che sono in atterraggio sulla 27R. Anche qui riusciamo a ritardare la nostra partenza verso l’italia, fino a aspettare il 767 TAM con la livrea Walt Disney. Peccato che per un soffio il cambio delle piste ce lo toglie dagli obiettivi.

Ci portiamo verso il T5, dove scopriamo che i nostri voli subiranno un ritardo di quasi due ore. Poco male, dopo l’ennesimo hamburger ci gustiamo un bel tramonto dalle vetrate del terminal e la vista di un B747 al finger. Immenso…

Alla fine è veramente come ce lo hanno sempre raccontato: aerei che arrivano e partono senza soluzione di continuità, se non per il cambio piste. Ottimamente costruito, come disposizione dei vari terminal, ormai è arrivato a essere sottodimensionato per il traffico che sopporta. Vari progetti sono al vaglio, tra i quali l’ampliamento con una terza pista di Heathrow.

God save Heathrow!

Fabio Zocchi


Galleria fotografica di Ricardo Baldassarre (174 foto)

By | 2017-11-01T22:19:24+00:00 1 novembre 2017|Spotting|

Pubblicato il Calendario eventi 2017

Abbiamo pubblicato il calendario delle attività in programma per il prossimo anno.

Oltre alle consuete giornate di spotting all’interno dell’Aeroporto di Malpensa, sono in fase di programmazione due viaggi, a fine giugno e settembre, rispettivamente a Francoforte e Zurigo; vi informeremo del programma di massima e dei primi dettagli di queste gite appena ci sarà possibile.

Stiamo inoltre definendo la data per la festa dei 20 anni dell’Associazione Clipper in programma per il primo weekend di giugno, anche per questa iniziativa vi aggiorneremo appena possibile.

Nella pagina del Calendario 2017 trovate i collegamenti per il Regolamento 2017 valido per lo spotting a Malpensa e un pratico modulo per prenotare le sessioni di spotting direttamente dal sito.

Per le gite a Francoforte e Zurigo è necessario scrivere a limc@libero.it.

Calendario 2017

Calendario eventi 2017

Clicca a destra per vedere il Calendario degli eventi per l'anno 2017
Calendario 2017
Regolamento Spotting 2017

Regolamento Spotting 2017

Leggi il regolamento per le attività di Spotting a Malpensa
Regolamento Spotting 2017
Prenotazione eventi

Prenotazione eventi 2017

Utilizza il nuovo modulo per registrarti agli eventi di Clipper
Prenotazione eventi
By | 2016-12-20T08:51:41+00:00 18 dicembre 2016|Air News|
Load More Posts