L’EASA e la FAA certificano la capacità di lungo raggio per l’Airbus A321NEO

La disponibilità a iniziare le operazioni “Long Range” (LR) con i clienti di lancio della versione dell’Airbus A321neo a oggi più flessibile e di maggiore capacità, l’A321LR, ha compiuto un significativo passo avanti grazie all’autorizzazione congiunta da parte dell’EASA e della FAA, che certifica che l’aeromobile può operare ospitando fino a tre Additional Centre Tanks (ACT), serbatoi centrali supplementari sottopavimento, anche per le operazioni ETOPS.

Questo ultimo traguardo costituisce solo una delle diverse opzioni dell’aeromobile che, insieme ad altre, consentono alla versione A321LR di percorrere fino a 4.000 mn con 206 passeggeri e con carburante aggiuntivo immagazzinato nei tre ACT, anche sulle rotte ETOPS. Inoltre, l’autorizzazione ETOPS consente fino a 180 minuti di single-engine diversion, un tempo sufficiente a percorrere qualsiasi rotta transatlantica.

La certificazione A321LR comprende: (a) l’approvazione della modifica più sostanziale, vale a dire l’istallazione di fino a tre ACT facoltativi all’interno dell’A321neo – insieme ai nuovi sistemi di gestione del carburante a loro collegati e ai rinforzi strutturali della parte inferiore della fusoliera; e (b) l’approvazione dell’opzione “Airbus Cabin Flex” (ACF), che comprende una modifica della struttura della fusoliera con una diversa disposizione dei portelloni e un maggiore peso massimo al decollo (MTOW – Maximum Take-Off Weight) – fino a 97 tonnellate. Da notare, inoltre, che solo gli A321neo dotati della nuova struttura ACF possono offrire un peso massimo al decollo di 97 tonnellate e la possibilità di installare tre ACT. In precedenza, la Famiglia A321 poteva ospitare fino a due ACT.

Mentre la configurazione ACF diventerà standard per tutti i nuovi A321neo consegnati a partire dal 2020 circa, la capacità di MTOW di 97 tonnellate e la possibilità di alloggiare fino a tre ACT saranno opzionali. Per quanto riguarda gli ACT, i clienti dovranno specificare, prima della sua produzione, se l’aeromobile dovrà essere dotato di un sistema di gestione del carburante ‘ampliato’ e dei necessari rinforzi strutturali per fissare gli ACT sottopavimento.

Queste nuove opzioni – la capacità di aggiungere o togliere gli ACT, la Airbus Cabin Flex, il MTOW di 97 tonnellate e l’autorizzazione da parte dell’EASA e della FAA a utilizzare gli ACT per gli ETOPS – se insieme, conferiscono ai vettori una flessibilità senza precedenti in termini di configurazione di cabina, densità di poltrone, carico utile cargo, capacità di carburante e rotte da seguire.

(Agenzia di stampa TT&A)

By | 2018-10-04T12:46:41+00:00 4 ottobre 2018|Air News, Costruttori|